Rassegna stampa

COME CALCOLARE I RESIDUI NASPI DEL 2015

naspi-lavoratori-domesticiMolti lavoratori stagionali non hanno utilizzato tutta la Naspi calcolata l’anno scorso, quindi per sfruttare al meglio la durata di quest’anno possiamo darvi delle indicazioni un pò più precise. Innanzitutto la circolare 142/15 dell’Inps spiega come calcolare le settimane Naspi utilizzate:

2 c– Per le domande di cui al presente punto 2 di miniASpI e NASpI si calcolano le Settimane utilizzate come il valore MINORE tra:

a) Settimane di durata effettiva x 2

b) Settimane di contribuzione utilizzate per la domanda di miniASpI e NASpI che cadono nel quadriennio di osservazione dell’ultima domanda di NASpI.

Esempio 1: nel 2015 mi hanno calcolato 220 giorni di Naspi, ne ho utilzzati 180 poi mi hanno assunto e ho lavorato per 180 giorni.Se preento una nuova domanda Naspi nel 2016 per calcolare il residuo si prende il valore minimo tra a) 180X2= 360 e  b) 180 . Il valore minimo è 180 quindi sottraggo i giorni di Naspi calcolati nel 2105 (220)  con il valore minimo delle due possibilità (180) e ottengo un residuo di 40 giorni

Esempio 2 : nel 2015 mi hanno calcolato 180 giorni di Naspi , ne ho utilizzati 150 poi mi hanno assunto e ho lavorato per 180 giorni. Se presento una nuova domanda Naspi nel 2016 per calcolare il residuo si prende il valore minimo tra a)150×2=300 e b) 180. Il valore minimo è 180 quindi sottraggo i giorni di Naspi calcolati nel 2105 (180) con il valore minimo delle due possibilità (180) e ottengo un residuo di 0 giorni;

Esempio 3 :nel 2015 mi hanno calcolato 160 giorni di Naspi, ne ho utilizzati 120 poi mi hanno assunto e ho lavorato per 180 giorni. Se presento una nuova domanda Naspi nel 2016 per calcolare il residuo si prende il valore minimo tra a)120×2=240 e b) 180. Il valore minimo è 180 quindi sottraggo i giorni di Naspi calcolati nel 2105 (160) con il valore minimo delle due possibilità (180) e ottengo un residuo di 0 giorni;

Se invece non avete superato i 6 mesi di contratto di lavoro potete scegliere di utilizzare il residuo senza presentare nessuna nuova domanda Naspi cosi in automatico riparte quella vecchia e potete decidere entro 68 giorni quando presentare quella nuova, a seconda di quanto residuo avete a disposizione:

Esempio 1: Finisco di lavorare il 30 settembre ho 40 giorni di residuo , presento la domanda nuova Naspi il 12 di Novembre dopo che il giorno prima sono andato all’Inps a chiudere la Naspi vecchia compilando la NASPI COM in cui dichiaro di aver utilizzato tutta la Naspi a mia disposizione;

Esempio 2 : Finisco di lavorare il 30 settembre ho 30 giorni di residuo , presento la domanda nuova Naspi il 2 di Novembre dopo che il giorno prima sono andato all’Inps a chiudere la Naspi vecchia compilando la NASPI COM in cui dichiaro di aver utilizzato tutta la Naspi a mia disposizione;

Esempio 3 : Finisco di lavorare il 30 settembre ho 40 giorni di residuo , presento la domanda nuova Naspi il 12 di Novembre dopo che il giorno prima sono andato all’Inps a chiudere la Naspi vecchia compilando la NASPI COM in cui dichiaro di aver utilizzato tutta la Naspi a mia disposizione;

Ma cosa succede se ho più di 68 giorni di residuo? Hai due possibilità

1- utilizzi solo 66 giorni di residuo poi vai all’Inps a chiudere la Naspi vecchia compilando la NASPI COM in cui dichiari di essere rimasto in disoccupato fino a quel giorno; dopodichè solo il giorno dopo compili la nuova domanda Naspi;

2- utilizzi tutto il residuo e il periodo lavorato quest’anno verrà utilizzato nella domanda Naspi che presenterai nel 2017

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...