Rassegna stampa

UN’ALTRA NASPI PER I LAVORATORI STAGIONALI

COMUNICATO UFFICIALE
Grazie alla vostra partecipazione il Senatore Sergio Puglia è riapparso con questo messaggio:

“Vi darò il mio apporto come sempre. Ritengo la vostra situazione ingiusta. So che avete fatto anche dei calcoli ? Me li giri? unitigiustizia@gmail.com”

Ieri sera gli ho inviato la proposta dell’ANLS per ripristinare i sei mesi di sussidio ai lavoratori stagionali semestrali.
In queste settimane in questa pagina abbiamo discusso, anche con toni accesi, ciò che era piu giusto proporre e settimana scorsa abbiamo chiesto ufficialmente il ripristino della aspi e mini Aspi ma è stata bocciata dall’ufficio legislativo del Senato con motivazioni secondo me anche condivisibili perché non si può dimezzare il sussidio a 1,5 milioni di disoccupati  raddoppiarlo a soli 220 mila lavoratori stagionali , perché è ciò che avrebbe comportato tornare al vecchio regime di calcolo.
Per questo motivo un sindacato serio quale quello che vorremmo diventare, ha dovuto prendere una decisione anche discutibile ma secondo noi inevitabile perche pretendere il raddoppio del sussidio con lo stesso importo previsto dalla naspi costerebbe allo Stato un miliardo di euro e questi soldi il Governo non li metterà mai, mettetevelo in testa.
Quello che proponiamo noi dell’ANLS è invece ripristinare i sei mesi a tutti i lavoratori stagionali che lavorano 6 mesi l’ anno riducendo l’importo mensile.

Il saldo finale permetterebbe comunque  di percepire in media 1500 euro in piu all’anno.
Vediamo ora alla questione di chi lavora 8 mesi
Avete ragione voi,
non é giusto che a perderci siano i lavoratori che fanno le doppie stagioni o lavorano piu di 6 mesi
Per questo motivo abbiamo inserito una percentuale più alta, il 60% del vostro stipendio lordo
Per questa proposta il Governo deve trovare fondi per ben 350 milioni di euro e credetemi non sono pochi

Di seguito il testo integrale della mail con il testo definitivo dell’ emendamento inviato a Sergio Puglia

FB_IMG_1524224367317

 

Ciao Sergio ti giro i calcoli che ho preparato per l’emendamento che abbiamo scritto

È  molto semplice, ho preparato il testo dell’ emendamento copiandolo da quello che hai presentato tu nella scorsa legge di bilancio , ho solo modificato il metodo di calcolo dell’importo mensile  perché quello presentato da  te e sarà Paglini  costava più di un miliardo di euro.
In pratica secondo i dati Inps,  che se vuoi ti giro , i lavoratori stagionali che lavorano 6 mesi l ‘anno  danneggiati dalla naspi sono 227 mila, quindi se mettiamo una percentuale uguale a quella che viene data ai lavoratori stagionali agricoli e cioè il 40% della retribuzione lorda  , per chi puo far valere 52 settimane di contribuzione nell’ultimo biennio e il 60% per chi ne puo far valere 64 settimane sempre nell’ultimo biennio ,il costo dell’ emendamento è di circa 350 milioni di euro comprensivi di contributi figurativi e assegni famigliari .
Infatti se la retribuzione lorda media mensile  di uno stagionale è di 1600 euro il 40% sono 640 euro che moltiplicato per i 6 mesi di sussidio fanno 3840 euro.Mentre adesso con il calcolo della naspi è il 75% fino a 1200 euro e il 25% per la parte successiva a 1200 , che fanno 1000 al mese moltiplicati per i 3 mesi di sussidio che percepiamo fanno 3000 euro lordi a stagione .

Il costo dell emendamento sarà quindi 3840-3000=840 euro
più 420 euro di contributi figurativi
Fanno 1260 euro per 227 mila uguale 286 milioni di euro

A questa cifra si dovrà poi aggiungere gli importi degli assegni famigliari per i 3 mesi in piu che li percepirremmo ma non ho dati per poterli quantificare con precisione ma credo che 64 milioni di euro siano una cifra vicina alla realtà

Emendamento

(Modifiche al decreto legislativo 4 marzo 2015, n. 22)

1. Al decreto legislativo 4 marzo 2015, n. 22, sono apportate le seguenti modificazioni:

a) dopo l’articolo 4, è aggiunto il seguente:

“4-bis

(Calcolo per lavoratori stagionali)

1. In deroga a quanto previsto all’articolo 4, fermo restando la riduzione ed il prelievo di cui ai commi 3 e 4, per i lavoratori stagionali non agricoli, residenti in Italia, la NASpI è così calcolata:

40% della retribuzione mensile per i lavoratori che possono far valere 52 settimane di contribuzione nell’ultimo biennio

60% della retribuzione mensile per i lavoratori che possono far valere 64 settimane di contribuzione nell’ultimo biennio

2. Ai fini del presente articolo si considerano lavoratori stagionali non agricoli quelli assunti per attività di cui al decreto del presidente della Repubblica 7 ottobre 1963, n. 1525, quelli definiti da avvisi comuni e da CCNL, nonché quelli assunti a tempo determinato nelle istituzioni scolastiche durante lo svolgimento dell’anno scolastico e nelle amministrazioni pubbliche e i lavoratori dello spettacolo

b) all’articolo 5, dopo il comma 1, è aggiunto il seguente:

“1-bis. Per i soggetti di cui all’articolo 4-bis, in sostituzione della durata calcolo di cui al comma 1, la NASpI è corrisposta mensilmente, per un massimo di 26 settimane

Ai maggiori oneri , valutati in 350 milioni di euro per ciascun anno, derivanti dagli articoli 4 bis e 5 bis , si provvede, mediante corrispondente riduzione del fondo di cui all’articolo 1, comma 107, della legge 23 dicembre 2014, n. 190.

In questo link la scheda che ha preparato l’Inps sulla questione stagionali da cui ho preso riferimento per fare i calcoli
Un abbraccio Giovanni Cafagna
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...