Rassegna stampa

Contratto a termine 2022: attività stagionali

Nozione di lavoro stagionale: normativa di riferimento

L’articolo 21, co. 2, del D.Lgs. 15 giugno 2015, n. 81, definisce i lavoratori impiegati nelle attività stagionali come quelli che vengono assunti per svolgere una delle attività che sono individuate, rispettivamente:

  • con decreto del Ministero del lavoro e delle politiche sociali; oppure
  • dai contratti collettivi, nazionali, territoriali o aziendali (Ispettorato Nazionale del Lavoro, Nota 10 marzo 2021, n. 413).

Attenzione però: il previsto decreto ministeriale non è mai stato emanato e, quindi, la stessa norma dispone che, fino alla sua futura (e speriamo “celere”) adozione, continuano a trovare applicazione le norme del decreto del Presidente della Repubblica 7 ottobre 1963, n. 1525.

Con diretto riferimento ai contratti collettivi, occorre precisare che l’articolo 51 del decreto legislativo 15 giugno 2015, n. 81, individua come tali i contratti collettivi:

  • nazionali, territoriali o aziendali stipulati da associazioni sindacali comparativamente più rappresentative sul piano nazionale; e
  • aziendali stipulati dalle loro RSA ovvero dalla RSU.

Sono solo questi a disporre del potere di individuare le attività stagionali “contrattuali”.

Un pensiero riguardo “Contratto a termine 2022: attività stagionali

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...